Conoscersi a tavola: l’evento conclusivo a livello regionale.

Con una tavola rotonda tenutasi a Potenza presso lo Scambiologico si è chiusa la fase regionale del Progetto “Conoscersi a tavola. L’opportunità per gli anziani di uscire dalla solitudine, acquisire nuove conoscenze e scambiare esperienze attorno alle abitudini alimentari”.

Gli eventi principali che hanno caratterizzato lo sviluppo del percorso attuativo del Progetto sono stati:

  • 10.04.2018Tavola rotonda presso il Centro Sociale di Lagonegro a cui in rappresentanza dell’Auser Nazionale hanno partecipato il Presidente Enzo Costa e il Direttore F abrizio Maddalena;
  • 27.05.2018 – visita all’azienda speciale Pantanelle di Metaponto;
  • 22.08.2018evento pubblico enogastronomico in piazza a Lagonegro con partecipazione di un esperto alimentarista;
  • 14.12.2018Tavola rotonda sul tema de “I corretti stili di vita come fattore di prevenzione” presso il Centro Servizio Volontariato in via Sicilia a Potenza con la partecipazione di Leonardo Cenci e il comitato regionale paralimpico;
  • 15.12.2018 – Avigliano – “I corretti stili di vita come fattore di prevenzione” (con la partecipazione di Leonardo Cenci e il comitato regionale paralimpico).

Alla tavola rotonda conclusiva hanno dato il loro contributo:

  • Carla Brienza Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari;
  • Dario Vista Nutrizionista;
  • Domenico Romaniello Direttore ALSIA Basilicata (partner di progetto );
  • Marco De Biase Scambiologico.

Moderatore è stato Luciano Liscio, Presidente UPEL Potenza.

Il contributo di idee e di proposte avanzate da ciascun relatore è stato molto apprezzato dai presenti che hanno trovato risposte adeguate alle attese maturate durante il percorso e gli eventi previsti dal progetto.

La dottoressa Brienza ha delineato il ruolo proprio dei Tecnologici alimentari come si è sviluppato nel corso degli anni partendo dalle nuove tecnologie che hanno interessato la produzione e la conservazione degli alimenti.

Il dottor Vista ha parlato dei problemi legati all’alimentazione nelle varie fasi della vita umana, cercando anche di indicare in maniera semplice la necessità di una corretta e completa dieta. Ha anche portato esempi sia positivi che negativi legati all’alimentazione quotidiana.

Il dottor Romaniello che ha precisato il ruolo dell’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura: E’ lo strumento operativo della Regione Basilicata, che succede al soppresso Ente di Sviluppo Agricolo, che cura fra l’altro la dismissione dei beni immobili provenienti dalla Riforma Fondiaria. L’ALSIA gestisce oltre a Pantanelle altre Aziende Agricole Sperimentali Dimostrative, con sede ad Aliano, Gaudiano, Matera, Melfi, Metaponto, Villa D’Agri, Pignola e Rotonda, e l’Unità Divulgativa di Zona di Bella, attraverso le quali realizza attività di ricerca, sperimentazione e divulgazione.

Il dottor De Biase ha condiviso il percorso che ha portato alla realizzazione dello Scambiologico di Potenza il luogo in cui avviene la vendita di prodotti biologici, a chilometro zero, sfusi, non imballati, del commercio equo e solidale e dell’artigianato lucano. Uno spazio dedicato al baratto di beni in buono stato ma anche luogo di incontro, formazione, ricerca e sviluppo per la diffusione della cultura ambientale e la condivisione dei saperi.

Quindi  a cura della dott.ssa Teresa Allegretti è stata presentata la ricerca “Alimentazione e ben-essere” su come riconoscere le bufale in materia alimentare e sanitaria.

A chiusura dell’incontro la dott.ssa Sara Ulivi, Presidente dell’Auser Basilicata, ha fornito informazioni sui risultati della Ricerca “Pensa a cosa mangi” che ha interessato l’alimentazione e salute delle persone anziane, dando anche la parola a medici e farmacisti, anche omeopatici. Ha espresso la propria soddisfazione per la partecipazione attiva da parte degli anziani, annunciando che verranno proposti altri incontri nei circoli della regione sui temi della prevenzione in materia alimentare.

Infine la Presidente ha impegnato tutti i circoli Auser della Regione a proporre iniziative nell’ambito della campagna di alfabetizzazione mediatica per contrastare le notizie false in rete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *