Una nuova rete: via al progetto

Una nuova rete” è un progetto promosso da Auser Nazionale cofinanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Propone servizi sperimentali di mobilità, flessibile ed efficiente per un facile accesso ai servizi essenziali nei territori delle aree interne del nostro Paese.

Il progetto ha respiro nazionale e la sperimentazione si focalizza su cinque regioni: Liguria, Lombardia, Toscana, Basilicata e Calabria.

Per molti cittadini del nostro Paese che vivono in aree interne, come territori montagnosi o collinari, raggiungere la scuola, l’ospedale, un ufficio pubblico, un centro culturale, ricreativo o sportivo, è un’impresa difficile se non impossibile. In Italia le aree interne rappresentano il 53% circa dei Comuni italiani, e ospitano il 23% della popolazione italiana, pari a oltre 13,5 milioni di abitanti.

La difficoltà nell’organizzare un trasporto pubblico adatto, costringe molte persone ad utilizzare l’auto privata, con un forte impatto sull’ambiente e sui bilanci familiari. La ricaduta complessiva di tutto questo sulla qualità della vita è importante, soprattutto per le persone più fragili (anziani, disabili, bambini).

Il Progetto “Una nuova rete” promosso da Auser Nazionale prova ad invertire la tendenza, proponendo servizi sperimentali di mobilità flessibile ed efficiente. L’ambizione è quella di gettare le basi per un nuovo modello di mobilità sostenibile, pensato per rispondere ai bisogni dei cittadini che vivono nelle aree interne del nostro Paese.

I volontari Auser potranno essere impegnati nella promozione di servizi di mobilità a chiamata, e faciliteranno l’incontro tra domanda e offerta pubblico-privata di servizi innovativi di mobilità, coinvolgendo attori istituzionali e non.

Il cuore del progetto è nella sperimentazione di una mobilità più accessibile in termini di tempi di percorrenza e facilità di spostamento, uno dei bisogni più sentiti nelle zone in questione.

Auser intende contestualizzare la domanda di mobilità nei diversi territori, sperimentando forme di trasporto pubblico-privato integrate non convenzionali, innovative e flessibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *