UN'ALTRA ITALIA

da LIBERETÀ DICEMBRE 2019

A sinistra : i volontaridell’Auser all’opera per sistemare il “Teatro a metà ” a Lauria.


L’Auser vanta numeri di tutto rispetto :
1.540 sedi , 300 .000 iscritti,
49.000 volontari, 7.499.51 ore di volontariato in un anno.
624.587 partecipanti alle attività.

A sinistra: Il restauro della fontana di un parco a Potenza.

A destra: nuova vita per il campo da bocce a Grassano


VOLONTARI CONTRO IL DEGRADO
COSÌ DIAMO UNA MANO
Una bella storia di impegno civico che arriva dalla Basilicata
di Antonio Fico

Nell’Italia che volta le spalle agli ultimi, una luce di solidarietà è tenuta accesa dal mondo del volontariato.
L’Auser è nata con questa missione.
E sta crescendo. Oggi dà un aiuto anche ai Comuni a combattere il degrado delle città. Esemplari le iniziative in Basilicata

Recuperare il giardino della villa comunale,ripulire dalle erbacce una fontana del Quattrocento, rendere percorribile l’antica strada longobarda di San Michele che conduce a un’antica chie­setta. Il filo rosso che lega queste esperienze è una bella storia di impegno civico che arriva dalla Basilicata, dove anziani e giovani, fianco a fianco, si sono rimboccati le maniche per riqualificare beni di valore artistico e storico, luoghi di grande valore per l’identità e il vissuto della popolazione locale.

Auser in Comune è il titolo del progetto lanciato poco più di due anni fa da tredici circoli, con capofila l’Auser Comunità solidale di Potenza, e finanziato dalla fondazione Con il Sud con 79 mila euro. Il progetto ha portato al recupero di altrettanti luoghi che lo spopolamento, il tempo, la mancanza cronica di risorse delle amministrazioni locali avevano condannato all’incuria e al degrado.
Forse nomi come Avigliano, Ruoti, Maschito, Grassano, Lagonegro, Lauria, Rivello, Castelluccio Inferiore, Corleto Perticara, Picemo, Tramutola dicono poco, ma è proprio qui che centoventi volontari dell’Auser si sono armati di guanti, scope, metro e cazzuole, e hanno rimesso a nuovo pezzi importanti di città.

Tredici Comuni lucani sono stati ben felici di utilizzare i volontari dell’Auser per rimettere a posto il patrimonio storico e l’arredo urbano

Le opere realizzate. La fontana soprannominatala piscinetta del parco Montereale di Potenza, un tempo adibita a vasca per i pesci e luogo simbolo per più di una generazione era diventata una discarica piena di rifiuti e d’erbacce. «Ci eravamo stufati di vederla in guelfo stato -racconta Nicola Coviello, Nichi per gli amici, presidente dell’Auser di Potenza -, così l’abbiamo svuotata della terra, creato un canale di scolo per le acque, riempita di pietrisco drenante e alla fine arricchita di lillà della California. Davvero un bel lavoro».
A Rivello, invece,grazie al sostegno degli artigiani locali, è stato restaurato il portone dell’antica chiesa di San Michele e posizionato una nuova illuminazione lungo la strada, re­stituendo al borgo la vista sulla parte del paese che scende verso il fiume e che si conclude con la chiesa di Santa Maria del Poggio. A Corleto Perticara, dove nel 1860 gli abitanti insorsero contro i Borboni, ben prima che Garibaldi si affacciasse da queste parti, tre generazioni di volontari hanno riportato a nuova vita la collinetta nei pressi del cimitero dove anticamente si eseguivano le condanne capitali, e che era diventata una discarica a cielo aperto .
A Maschito, un antico insediamento albanese dove i vecchi parlano ancora la lingua arbereshe, i volontari hanno riqualificato il piazzale antistante alla fontana quattrocentesca dedicata all’eroe dell’indipendenza albanese Skanderberg, sistemano panchine colorate e piazzando fioriere.
A Lauria è stato riconsegnato alla città il “Teatro a metà”, che col tempo aveva perso gran parte delle gradinate L’amministrazione e le associazioni locali ora potranno usare la struttura per spettacoli ed eventi.
A Lagonegro è stata riqualificata la piazzetta davanti alla chiesa della Santissima Annunziata che, come ricorda il presidente del locale circolo Auser, Biagio Inglese, «è il luogo dove arrivò nel 1482, dieci anni prima della scoperta dell’America, san Francesco da Paola che benedì il paese contro il flagello dei terremoti e della pestilenza».
I Comuni hanno risposto con entusiasmo ai progetti dell’Auser. «Iniziativa preziosa -afferma il sindaco di Picemo, Giovanni Lettieri -visto che il nostro grande problema è la conservazione e la manutenzione del patrimonio e delle infrastrutture».

Sopra: l’inaugurazione della piscinetta a Potenza
Sotto: Lagonegro

Liberetà,Auserincomune,volontari,Potenza, Lagonegro,Maschito,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *